I creativi più famosi

Alcune figure di pubblicitari sono note anche a chi non lavora direttamente in questo ambito: merito della loro coerenza professionale e, naturalmente, dei loro sforzi creativi. Ancora oggi le case e gli uffici riecheggiano delle idee e delle invenzioni di questi che, senza tema di smentita, possono essere considerati come i poeti dei tempi moderni.

Raymond Rubicam

raymond-rubicamFondatore della Young and Rubicam, una delle più famose agenzie pubblicitarie al mondo, è stato il primo copywriter e creativo a volere fumetti nelle pubblicità – un’idea che ora fa sorridere per la sua “ovvietà”, ma che negli anni a cavallo fra le due guerre mondiali fu salutata come una rivoluzione.

Bill Bernbach

È una delle figure che ha ispirato la trama di un telefilm di culto come Mad Men. Fra le sue campagne più ricordate, quelle degli anni Settanta per la Polaroid o per il Maggiolone della Volkswagen, viste anche in Italia.

David Ogilvy

Considerato come il padre della pubblicità così come la conosciamo oggi, questo gentiluomo britannico è il creatore di uno degli slogan usati ancora oggi per promuovere il sapone Dove: eppure lui è morto oltre quindici anni fa, dopo una lunghissima carriera. Segno che il suo lavoro è eterno e non dipende dalle mode o dai cambiamenti di linguaggio!

Bernice Fitz-Gibbon

Fra le poche donne ai vertici dell’ambito advertising e fra le più risolute avversarie del maschilismo nel mondo della pubblicità, questa autentica pioniera del campo (era nata nel 1894) è stata l’autrice di vari slogan e campagne di successo, fra cui “it’s smart to be thrifty”, traducibile liberamente come “la cosa furba è essere parsimoniose”, ormai entrato nel linguaggio comune negli Stati Uniti.

Neil French

Una sottotrama del famoso film Lost in Translation vede il personaggio interpretato da Bill Murray impegnato a girare la pubblicità di un whisky giapponese. Neil French è la leggenda del copywriter che più ha lavorato in ambiente asiatico, diventando responsabile di alcuni dei più azzeccati lanci pubblicitari in paesi come il Giappone, Singapore, la Cina.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *